Bastardi senza gloria

Inglourious Tarantino. Non è sicuramente il miglior Tarantino. Chi spera di trovare in questo film i dialoghi brillanti di Le Iene o Pulp Fiction farebbe bene a non avventurarsi al cinema, così come dovrebbero fare quelli che cercano l’epica pop di Kill Bill, lo splatter di Grindhouse o la calma di Jackie Brown. Farebbe bene a non avvicinarsi anche chi spera in qualche novità: in Bastardi c’è un abbozzato miscuglio di tutto il Tarantino precedente, senza però la ricerca di nuove strade.
Il film, lungo e, in alcune scene, dai tempi dilatati alla Sergio Leone, potrebbe già allontanare gli impazienti nella prima parte con il lunghissimo cappello introduttivo su Landa e Shosanna ed i suoi dialoghi snervanti (il dialogato rimane però sempre una delle cifre del regista). Chi resiste avrà però più

continua