Mole nera

Da oggi su Amazon potete acquistare in formato digitale (per kindle, computer, tablet e smartphone) alla modica cifra di 2,68€ Mole Nera, una raccolta di cinque racconti che in vecchia carta ammonta alle 50 pagine.

Regalo aziendale (vincitore del secondo premio al concorso Lama e trama), Sopravvivenze, Bitter Ale, Scena del crimine e Sambusi sono le storie che vi porteranno in una Torino stretta alla gola dalla crisi, permeata dal razzismo, dominata dalla ‘ndrangheta e innevata di coca.

Se volete un saggio di che aria tira all’ombra scura della Mole, potete scaricare gratuitamente Sopravvivenze.

ACQUISTA SU AMAZON | SCRIVI UN COMMENTO

Pubblicità

Le belve

Le belve è il penultimo romanzo di Don Winslow e sarà un futuro film di Oliver Stone: il regista statunitense ha battuto ogni record di velocità accaparrandosi i diritti sull’opera un millisecondo dopo la sua pubblicazione, nel 2010.

Il titolo originale, Savages, molto più azzeccato dell’incerta e sciocca traduzione italiana, è la parte più bella del romanzo. Potete accontentarvi di leggere la copertina: quello che sta fra questa e la quarta è una storia banale scritta male per 450 pagine. Grazie al cielo Winslow e editori hanno deciso di seguire la nuova moda deforestante dividendo il testo in 290 capitoli: nemmeno due pagine per ciascuno di essi, molti lunghi appena tre-quattro righe immerse nel deserto candido cartaceo. Risultato: si

continua

Kindle

Alla fine ho ceduto. Tutte le maledizioni che un lettore accanito e un feticista della carta stampata potrebbe scagliare contro gli e-book reader le ho sottoscritte, pronunciate e infine prontamente stracciate. Complici una teppaglia di amici e un compleanno da condire con un regalo, ora sono un degno figlio del nostro presente iper-tecnologico. Quando bambineggiavo negli anni ottanta andava per la maggiore immaginarsi i primi duemila solcati da automobili volanti e calpestati da omini vestiti di tute sbarluccicanti in fila per la navetta destinata ai migliori resort di Marte. Bene, la nostra fantasia non è nulla in confronto alla realtà: in mano stringo un marchingegno dal peso di due-trecento grammi capace di contenere più

continua