Uccise perché erano donne

GdRUn mio racconto, La bestia, è stato selezionato fra i tre finalisti della IV^ edizione del concorso Giallo di Romagna.

Il premio, indetto dal comune di Bagnara di Romagna (RA), è riservato a gialli brevi che abbiano come tema centrale la violenza sulle donne. Per quanto mi riguarda, è riuscito a estrapolare dal mio cilindro un racconto dopo oltre un anno di silenzio e cappelli vuoti. Non solo, mi ha anche fatto rifluire sangue nella maltrattata vena creativa ributtandomi in pista. Presto, volenti o nolenti, vedrete apparire altre mie nuove opere.

Intanto La bestia verrà pubblicato assieme ai compari finalisti e ad altri prodi in un’antologia celebrativa.

La premiazione avverrà sabato 23 novembre 2013 alle ore 17.00 nella Sala Consiliare della Rocca Sforzesca di Bagnara di Romagna, piazza IV Novembre. A quanto pare ci sarò anch’io, a dar prova di lettura in pubblico e a fare a cazzotti con l’imbarazzo. Chi fosse da quelle parti, si faccia vivo: prometto grandi figuracce e un paio di giri al bar.

Racconti al tempo della crisi

Era nel lontano novembre del 2009, epoca in cui ancora i più non conoscevano Mario Monti, che il mio racconto Regalo aziendale vinceva il secondo premio del concorso Lama e trama, ed era nel più prossimo aprile del 2010 che veniva pubblicato in antologia dalla casa editrice Perdisa.

Un racconto scritto alle

continua

Lesbo a Lama e trama

L’anno scorso, più o meno in questo periodo, ero lieto di annunciare di aver vinto il secondo premio del concorso letterario Lama e trama. E più o meno 365 giorni fa mi ero fatto una grande scorpacciata alla premiazione in quel di Maniago.
Beh, quest’anno non è andata altrettanto bene: niente podio, niente cena targata slow food. In compenso il racconto con il quale ho partecipato, Lesbo, è stato selezionato per la pubblicazione nell’antologia Lama e trama 2011, in uscita questa primavera… insomma, sono soddisfazioni…
Il premio è stato vinto da Furio Ombri, mentre al secondo posto ex aequo si è piazzata Teresa Anna Angelico, una vecchia conoscenza per il contest noir di lame e coltelli: nell’edizione 2009 ebbi proprio il piacere di dividere la seconda posizione con lei. Il premio alla carriera è invece stato assegnato a Giampaolo Simi.
Per quanto riguarda Lesbo, beh, vi dirò poco: il titolo è ingannevole, dato che è ambientato in questo mondo e non in questo. Il tema principale è la frontiera della fortezza Europa, l’immigrazione clandestina e la lotta nei suoi confronti, e il racconto è stato ispirato da alcuni fatti realmente accaduti. Per leggerlo dovrete aspettare l’uscita della raccolta.